A volte mi sembra di vedere negli occhi, guardando le  foto di alcune persone a cui (in qualche strano modo) voglio bene, il peso di enormi giuramenti fatti a se stessi.

Mi chiedo se si riferisse alla consueta prassi di portare nel testo un complesso intreccio pieno di colpi di scena per allietare il pubblico, o di prevedere che un personaggio volteggi sugli altri sputando biglie legato ad una fune (rimembranze dall'università),magari mentre gli sfollati, sotto, simulano il fallito tentativo di ripararsi durante un bombardamento in Siria.